docente universitario

imprenditore e manager

esperto di marketing strategico e processi di internazionalizzazione

la Passione del Fare, la Sostanza dei Fatti

“Nel mio impegno quotidiano di cittadino, imprenditore, manager e docente, sono un uomo fortemente motivato dalla volontà di imprimere una vera e propria svolta culturale che possa contribuire alla valorizzazione delle eccellenze del nostro Paese.”

Gli eventi quali leva di marketing territoriale per la valorizzazione urbana

Il ruolo che i beni culturali e paesaggistici potrebbero avere nella rinascita dell’economia italiana attraverso opportune politiche concrete di gestione

Vedi il testo

News da Giovanni Bozzetti

Attraverso il sito su cui ora navigate, potete entrare a far parte della rete di pensiero e di comunicazione a cui io stesso partecipo. Questo spazio vuole essere uno strumento efficace per presentarmi, raccontando in breve qualcosa di me, di tutte le passioni e gli interessi che giorno per giorno cerco di concretizzare al meglio nella mia vita professionale.

30luglio, 2018

IL BUSINESS DELL’ECO-MAFIA, NUMERI DA RECORD NEL RAPPORTO DI LEGAMBIENTE 2018.

luglio, 2018|

Mai nella storia del nostro Paese sono stati effettuati tanti arresti per crimini contro l'ambiente come nel 2017, mai tante inchieste sui traffici illeciti di rifiuti. Sono questi i dati del Rapporto Eco-mafia 2018 presentato a Montecitorio da Legambiente pochi giorni fa, risultato dell’azione sia delle forze dell’ordine e sia delle autorità di controllo, che oggi si svolgono in un rinnovato e più efficace quadro normativo e con una rinnovata attività di controllo che vede per la prima volta fare sistema il lavoro dell’Ispra e quello della rete nazionale delle Arpa. Dal rapporto si scopre così che, anno dopo anno, i numeri dei reati contro l’ambiente sono cresciuti a dismisura, così come il fatturato dell’eco-mafia, che nel 2017 è cresciuto del 9,4%, raggiungendo quota 14,1 miliardi. Il 44% degli illeciti è stato contestato in una delle quattro regioni a tradizionale insediamento mafioso: prima la Campania (4.382 illeciti, il 14,6% del totale nazionale), seguita da Sicilia (3.178), Puglia (3.119), Calabria (2.809) e [...]